News home

PAURA DI CAMBIARE – di Roberto Seghi Rospigliosi*

E se ti dicessi che dopo “…e vissero felici e contenti” c’è dell’altro?!

E’ possibile arrivare ad apprezzare i segni del tempo che passa, in un mondo che lega il termine bellezza alla giovinezza? L’abbiamo chiesto al Dott. Roberto Seghi Rospigliosi.*

 

C’era una volta…

Ogni favola inizia così: “C’era una volta…” in un paese lontano, in un un bosco incantato, in un mondo fatato…

E già qui si dovrebbe iniziare a dubitare: mai una volta che la storia si svolga ad Ostia, Conegliano, che ne so, a Compiobbi… sempre in un luogo non rintracciabile sulle mappe.

C’era una volta…tanto, tanto tempo fa, in un tempo sospeso e anche qui, mai una data certa, un riferimento sicuro.

E dopo aver ucciso il drago e dopo aver sconfitto la Strega Cattiva, che fine hanno fatto i nostri eroi?

Biancaneve ha una tresca da anni con il Cacciatore ed ha chiesto la separazione. Del resto il Principe sta scontando venti anni per l’omicidio della Regina.

La Bella addormentata dopo anni di riabilitazione si è risvegliata dal coma con gravi deficit, ma felice di esser viva; mentre Cenerentola, stufa di assecondare il feticismo del piede del marito, è fuggita a Miami e dirige con successo un’impresa di pulizie.

 

E tu, quale favola ti racconti?

C’era una volta in cui eravamo giovani e belli, c’era una volta in cui facevamo l’amore tutti i giorni, c’era una volta in cui i seni erano quassù, c’era una volta…e ora non c’è più.

Una verità tanto banale quanto sconvolgente: oggi non sei la stessa persona di ieri.

 

“Non si può discendere due volte nel medesimo fiume e non si può toccare due volte una sostanza mortale nel medesimo stato, ma a causa dell’impetuosità e della velocità del mutamento essa si disperde e si raccoglie, viene e va.” (Eraclito)167873_1685072380739_2014902_n

(Foto: Valeria Lobbia Fotografia, Asiago)

 

Niente è mai uguale a se stesso.

Così il nostro corpo, tanto quanto le nostre relazioni, cambiano, mutano e si trasformano.

Ma allora, se ognuno di fronte ad una logica così schiacciante mi darebbe ragione, perchè dentro di noi il cambiamento fa così tanta paura?

Una delle capacità migliori dell’essere umano è la sua capacità di adattamento e questo comporta lati positivi, ma anche limitazioni. Tra queste, quella di restare aggrappati ad una immagine di sé del passato e in questa nostra dinamica interiore una parte di noi proprio non si rassegna a non dare giudizi in merito alla tonicità, alla liscezza e all’estetica del corpo…

E proprio quella parte di noi che parla attraverso il giudizio e la critica cerca di adattarsi ad una società che usa come metro di paragone estetico solo la bellezza adolescenziale della prima giovinezza.

 

Nessuno sa esprimere meglio di te l’unicità di ciò che sei, tu puoi riscrivere le tue regole, tu puoi aggiornare le tue mappe interiori e adattarle ai tuoi valori.

Ti consiglio un’attività: prova a cercare in chi ti passa accanto almeno un dettaglio che parli di bellezza, cura, gentilezza e mentre sei in sala d’attesa o ogni volta che ti trovi in mano una rivista, raccogli immagini di belle persone anziane, di bellezze non convenzionali, vai alla ricerca delle foto degli anziani della tua famiglia.

 Costruisci oggi un’immagine positiva della persona che sarai in futuro.

E nel prendersi cura di se stessi con la gentilezza di uno sguardo ampio e generoso…vissero tutti felici e contenti!

 

*ROBERTO SEGHI ROSPIGLIOSI, Pedagogista, Mediatore familiare, Consulente individuale e di coppia indirizzo Voice Dialogue

 

Vuoi realizzare nell’intimità domestica delle deliziose – ed efficaci! – RICETTE CON I FIORI??

calendula

In esclusiva per gli iscritti alla newsletter, la ricetta dello Chef Claudio Vicenzo “Risotto alla calendula”!!!

PER RICEVERE LE RICETTE COMPLETE e GLI APPROFONDIMENTI DI EROSKITCHEN, clicca qui e iscriviti alla Newsletter! 

(Copyright 2015-2016 ErosKitchen)

 



'PAURA DI CAMBIARE – di Roberto Seghi Rospigliosi*' non ha commenti

Commenta per primo questo post!


Vorresti condividere i tuoi pensieri?

La tua email non sarà pubblicata.

Copyright © Monica Micheli - All Rights Reserved. Powered by StudioPZ